giovedì 27 agosto 2015

Harry Potter e il calice di fuoco

Autrice: J.K. Rowling
Titolo originale: Harry Potter and the goblet of fire
Volume: 4 di 7
Lingua: italiano

---

Harry Potter e il calice di fuoco è il quarto libro della famosa serie di J.K. Rowling. In esso, quindi, il maghetto protagonista ed i suoi amici Ron ed Hermione frequentano il quarto anno della scuola di magia ad Hogwarts, ed hanno quattordici anni.
Il romanzo si presenta più corposo dei precedenti - circa 620 pagine - cosa che mi ha fatto davvero molto piacere.

I capitoli che ho preferito sono stati i primi otto: credo di aver già scritto che adoro le descrizioni di quel mondo magico creato dalla Rowling e di tutto ciò che gli appartiene; potrei leggere un intero romanzo fatto solo di gite ad Hogsmead, spese a Diagon Alley, descrizioni delle invenzioni magiche di Fred e George, delle colazioni a casa dei Weasley, e così via.
Il problema che ancora ho con questa serie è che, una volta che si passa all'azione, c'è troppo angst, come direbbero gli anglofoni, troppa angoscia, troppi pericoli per protagonisti così piccoli, insieme però ad elementi o personaggi veramente poco originali, come i soliti stereotipati Piton o Malfoy o, in questo romanzo in particolare, l'odiosa giornalista Rita Skeeter.
Tuttavia, in questo quarto volume, non ci sono state delle parti noiose, ad eccezione, forse, della questione degli elfi domestici sollevata più volte da Hermione e per la quale, almeno per ora, non è stata trovata una vera a propria soluzione.

La storia, questa volta, si concentra sul torneo Tremaghi, una gara di abilità tra maghi provenienti da scuole diverse che si disputa ogni cento anni circa. Il titolo del libro si riferisce proprio al calice di fuoco che "sceglie" i nomi dei tre allievi che si contenderanno il titolo finale. Questa volta, però, gli sfidanti saranno quattro, perché ai tre più grandi si aggiungerà anche Harry Potter, il che non promette nulla di buono per il maghetto, sia socialmente, in quanto gran parte degli allievi della scuola crede che lui abbia imbrogliato riuscendo ad inserire il suo nome nel calice, sia per quanto riguarda la sua stessa vita, minacciata come sempre dal mai sconfitto Voldemort.
Il torneo è l'occasione per farci conoscere alcuni presidi ed allievi di altre scuole di magia, quella di Boubatons e quella di Durmstrang, anche se naturalmente le preferenze dell'autrice vanno tutte ad Hogwarts.

La Rowling è stata molto brava nel tratteggiare i suoi personaggi ormai adolescenti, con le prime cotte e gli slanci, l'entusiasmo e la rabbia che caratterizzano questa età (sono stati molto simpatici, a tale proposito, tutti i problemi relativi al ballo).
Harry, in particolare, anche se non è il mio preferito, riesce comunque a non risultare antipatico pur essendo il protagonista: egli, infatti, è "famoso", ma tale fama gli risulta spesso deleteria; non è un ragazzino spocchioso ed arrogante, ma uno che si mette spesso nei guai, che si distrae a lezione, non si impegna nei compiti e rischia di perdere la gara per salvare non solo coloro a cui tiene, ma anche una bambina che non conosce affatto.

Le fasi del torneo mi sono piaciute molto, avevo visto il film parecchi anni fa e purtroppo sapevo già come si sarebbero svolte le cose, ma di sicuro il romanzo è di gran lunga più ricco ed interessante della sua trasposizione cinematografica.
Mi è piaciuto anche molto il pensatoio di Silente: amo sbirciare nel passato dei protagonisti, e l'autrice sa dare ad ognuno la giusta importanza.

Come negli altri romanzi precedenti, sono molto forti il senso di amicizia, di lealtà e di famiglia che si respirano in questo libro (anche se ho notato una mancanza di abbracci che mi ha stupito), ma anche l'ottusità e la malvagità che spesso contraddistinguono il mondo degli adulti, troppo occupati ad aver ragione o ad essere preda dell'odio o del risentimento per guardare al di là del proprio naso.

---

Quarta di copertina: "Gli abitanti di Little Hangleton la chiamavano ancora Casa Riddle, anche se erano passati tanti anni da quando i Riddle ci abitavano. Si trovava sulla collina che dominava il villaggio: alcune delle finestre erano inchiodate, al tetto mancavano delle tegole e l'edera cresceva incolta sulla facciata. Un tempo Casa Riddle era stata una dimora elegante, certo l'edificio più vasto e grandioso nel raggio di chilometri...
Gli hangletoniani convenivano tutti che la vecchia casa era "sinistra". Mezzo secolo prima, qualcosa di strano e terribile era successo là dentro, qualcosa di cui gli abitanti più anziani del villaggio amavano ancora discutere quando erano a corto di pettegolezzi. "

Trama: È un momento cruciale nella vita di Harry Potter: ormai è un mago adolescente, vuole andarsene dalla casa dei pestiferi Dursley, vuole sognare la cercatrice del Corvonero per cui ha una cotta tremenda... E poi vuole scoprire quali sono i grandiosi avvenimenti che si terranno a Hogwarts e che riguarderanno altre due scuole di magia e una grande competizione che non si svolge da cento anni. Harry Potter vuole davvero essere un normale mago di quattordici anni. Ma sfortunatamente, Harry non è normale – nemmeno come mago. E stavolta, la differenza può essergli fatale.

---

Giudizio personale: 4/5

---

Volumi precedenti:
- Harry Potter e la pietra filosofale
- Harry Potter e la camera dei segreti
- Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

venerdì 21 agosto 2015

Viaggio dentro la mente

Autore: Piero Angela
Sottotitolo: Conoscere il cervello per tenerlo in forma
Lingua: italiano

---

Viaggio dentro la mente è un saggio in forma di dialogo tra lo scrittore e un ipotetico lettore riguardo a quello che secondo me è uno dei temi più interessanti, ossi il cervello.

Gli argomenti trattati sono numerosi: si va, infatti, dal cervello dei bambini a quello degli adolescenti, dal sonno ai sogni, alla corteccia cerebrale, e così via.
Ammetto che temevo che la trattazione fosse troppo semplice: non mi piace quando, per amore di un'ampia divulgazione, le cose non vengono chiamate con il proprio nome. Qui, invece, il linguaggio e lo stile sono sì semplici, ma i termini scientifici sono ben presenti (magari la prima volta solo tra parentesi).

Il testo presenta delle illustrazioni che mi sono piaciute molto, semplici ed interessanti. Ad esempio, viene mostrata la percentuale occupata dalla corteccia prefrontale nel nostro cervello ed in quello di alcuni animali, come il gatto e il cane, e viene illustrata la posizione di ipotalamo e tronco encefalico.

Particolarmente interessanti ho trovato le sezioni riguardanti la memoria, il funzionamento del cervello degli adolescenti, il sogno, e l'identikit dei personaggi che spesso alimentano grandi ed inutili speranze, come cure miracolose per il cancro o malattie per cui non sono ancora disponibili dei farmaci.
Mi aspettavo invece di più dall'ultima parte, su come tenere in forma il cervello (il sottotitolo, a questo proposito, risulta fuorviante, in quanto questa sezione non è di certo la più importante del saggio).

Benché non possa dire che il libro mi abbia tenuto incollata alle pagine, l'ho trovato comunque piacevole e stimolante e lo consiglio a chiunque voglia saperne di più su quella "macchina meravigliosa" che è il nostro cervello.

---

Sinossi: Il nostro cervello è una macchina meravigliosa e conoscerla meglio ci può aiutare a usarla al massimo delle sue potenzialità, dai primi anni di vita fino all'età più avanzata. È da questo spettacolare groviglio fatto di miliardi di cellule nervose e delle loro diramazioni che nasce tutto: la nostra capacità di vedere e di immaginare, di soffrire e di gioire, di ricordare e di creare, di odiare e di innamorarsi. Ma come avviene tutto ciò? Come si formano per esempio le immagini che noi vediamo nel nostro "teatrino mentale"? In base a quali meccanismi prendiamo una decisione e non un'altra? Siamo davvero liberi? Da dove nasce l'amore? C'è nel cervello un punto del piacere? Come spieghiamo i déjà-vu? Questo libro, sotto forma di dialogo con un ipotetico lettore curioso, racconta con parole semplici quello che oggi si è capito del nostro cervello e le frontiere di quello che ancora resta da conoscere. Una seconda parte del libro è poi dedicata alle pratiche per tenere il cervello attivo e brillante lungo tutto il corso della vita. Verranno presentati gli studi più recenti sull'allattamento, l'esercizio fisico, l'alimentazione, l'allenamento mentale, il sesso, lo shock della pensione, l'invecchiamento cerebrale, l'Alzheimer, il cervello dei centenari... Molte ricerche dimostrerebbero infatti che è possibile non solo tenere in buona forma i nostri neuroni (e in certi casi migliorarne le prestazioni) ma anche prevenire, almeno in parte, quelli che paiono essere gli inevitabili danni del tempo e dell'età.

---

Giudizio personale: 4/5

sabato 15 agosto 2015

Aggiornamenti



Aggiunte notizie ed impressioni sui film tratti dai romanzi.

venerdì 7 agosto 2015

Once upon a time - Shadow of the queen

Creatori: Daniel T. Thomsen, Corinna Bechko, Michael Wm. Kaluta, Mike Henderson, Vasilis Lolos, Michael Del Mundo
Lingua: Inglese

---

Once upon a time è una serie tv della ABC trasmessa per la prima volta negli Stati Uniti nel 2011, che ripropone le fiabe conosciute da tutti, come Biancaneve e Cappuccetto Rosso, amalgamandole fra loro ed ottenendo così un risultato originale, pur restando comunque ancorata a quelle che sono le caratteristiche classiche delle storie (e soprattutto della loro rielaborazione in chiave Disney).


Lo show, giunto attualmente alla sua quarta stagione, si avvale di molti flashback per raccontarci il passato dei personaggi ed aiutarci a comprendere il loro presente, non a caso gli ideatori sono Edward Kitsis e Adam Horowits, gli stessi di Lost, che ha fatto del ricorso ai flashback una delle sue caratteristiche principali.
Nocciolo della storia è un potente sortilegio che la Regina cattiva di Biancaneve (qui non chiamata Grimilde, ma significativamente "Regina"), ha lanciato su tutti gli abitanti della Foresta Incantata, che sono stati trasportati in "un posto orribile", ovvero il nostro mondo, in cui non c'è magia.
I personaggi delle fiabe della nostra infanzia vivono così a Storybrook, nel Maine, in un presente cristallizzato da 28 anni, senza memoria della loro vera identità e senza un lieto fine.

Tra essi troviamo Graham, lo sceriffo, che intrattiene una relazione sessuale con Regina, e che scopriamo presto essere in realtà il Cacciatore, colui che avrebbe dovuto portare il cuore di Biancaneve alla Evil Queen.


Nei flashback vediamo che la donna, per vendicarsi del tradimento del Cacciatore, si impadronisce del suo cuore (capacità, questa, caratteristica soprattutto di Regina, ma anche di altri personaggi, come Mr Gold, Cora o Zelena), soggiacendone così la volontà, e facendone il suo schiavo sessuale.


Il fumetto della Marvel, Shadow of the queen, ci racconta cosa accadde dopo, in una storia inedita e canonica, che vede protagonisti, oltre ai personaggi principali di Regina e del Cacciatore, anche Biancaneve e Cappuccetto Rosso.

Innanzitutto vorrei spendere due parole sulla cover: oltre alla bella sovracopertina che ricorda un po' l'art deco e che mostra i quattro protagonisti, abbiamo una cover rigida che rimanda al famoso libro di fiabe di Henry. Una bella sorpresa!
La storia è divisa in quattro capitoli, ognuno illustrato da un diverso artista. Sebbene preferisca gli altri tre, c'è da dire che le tavole di Vasilis Lolos sono le più originali.
Per quanto riguarda la storia, essa è ambientata ai tempi delle imminenti nozze del principe James con la principessa Abigail, la figlia di re Mida.

" Yes, let's hear the news about the royal wedding.
Living as an aoutcast isn't depressing enough. Why not add hearing about my one true love marrying someone else to the mix? "

Regina è la malvagia evil queen della prima stagione, disposta a macchiarsi di innumerevoli omicidi e di scendere a patti con i lupi mannari pur di catturare Biancaneve, che viene però aiutata proprio dal Cacciatore e da Cappuccetto Rosso. Tra questi ultimi è rivelata [attenzione: piccolo SPOILER] una inedita relazione, probabilmente ai suoi albori, mai menzionata nello show. [fine SPOILER]

Alcune illustrazioni mostrano dei personaggi molto somiglianti ai loro corrispettivi televisivi, mentre altre risultano piuttosto suggestive, come l'uccisione di uno dei lupi.
Mi è piaciuta la scelta di prediligere il bianco, il nero e i toni del grigio per il primo capitolo, ambientato per lo più nei boschi innevati, mentre il terzo, con la stessa ambientazione, vira verso i toni del blu con alcuni tocchi di bordeaux.

In appendice troviamo degli interessanti bonus, contenenti delle belle immagini riguardanti Regina, le bozze dei protagonisti e di alcune tavole, e la lettera che Snow scrive nello show alla matrigna quando pensa di dover ormai morire per mano del Cacciatore, più il manifesto "Wanted" della principessa.


La storia si legge in fretta, l'inglese è ben comprensibile, ed il volume è secondo me un must have per tutti gli amanti di Once upon a time.

---

Quarta di copertina: The Evil Queen has, quite literally, captured the Huntsman's heart - and now he's her slave.

Based on the world of ABC's hit primetime series Onceupon a time, this is the never-before-told tale behind their twisted relationship -- and what happens when a good man is forced to do bad. When Regina cooks up yet another devious plan to capture Snow White -- this time by allying with a pack of power-hungry werewolves -- the Huntsman comes face-to-face with his past...and an independent spirit in Red Riding Hood that just may match his own. Can these two break free of the forces that bind them and save Snow White? When put to the test, where will the Huntsman's loyalties lie? Has the Evil Queen stolen his heart in more ways than one?

---

Giudizio personale: 5/5

lunedì 3 agosto 2015

Veils and vengeance

Autrice: Rachelle J. Christensen
Sottotitolo: A wedding planner mystery #2
Lingua: inglese

---

Veils and vengeance è la seconda avventura della wedding planner Adrielle Pyper, ma il romanzo può essere tranquillamente letto senza conoscere gli eventi del libro precedente.
La storia si svolge alle Hawaii, in particolare sull'isola di Kauai, in cui la donna sta organizzando il matrimonio della solare Malia con Kyle, il rampollo di una ricca famiglia che si occupa di coltivazioni OGM.
Tutto sembra andare per il verso giusto, fino a quando, durante una gita subacquea, Adrielle non scopre il cadavere di una ragazza, e la donna a capo di una associazione contro gli OGM non comincia a minacciarla affinché annulli le nozze di Malia e Kyle...

Ad essere sincera, mi aspettavo un romanzo fresco e divertente, con una protagonista simpatica che si improvvisasse detective e tentasse di risolvere il caso.
Invece Adrielle è tutt'altro che simpatica, e il fatto che il suo ex ragazzo abbia attentato alla sua vita, nel romanzo precedente, fa sì che tutto sia come coperto da una pesante coltre di grigia tristezza e malinconia.
Inoltre si continua a ripetere quanto la protagonista sia rimasta traumatizzata dalle sue esperienze, quanto faccia fatica a fidarsi delle persone e a concedere appuntamenti, eppure esce sia con con il cugino che con il cognato della futura sposa, sembrando piuttosto interessata sia all'uno che all'altro (benché la scrittrice faccia in modo che il lettore parteggi per quello che alla fine Adri sceglierà, pur senza prendersene del tutto la responsabilità: problemi di distanza e di altro genere si intrometteranno tra i due).
Inoltre, le minacce della donna a capo dell'associazione anti-OGM mi sono sembrate ad un certo punto ridicole, e mi ha stufato che la protagonista rischiasse la vita un pagina sì e l'altra no, e che mai una volta riuscisse a salvarsi da sola.

Lo stile è piacevole, così come le descrizioni dell'isola, e il personaggio dell'assistente di Adri sembra abbastanza simpatico, ma spesso mi sono proprio annoiata, e, prima della metà del romanzo - punto dal quale comincia finalmente ad accadere qualcosa di interessante - ho pensato più volte di mollarlo.

---

Trama: When wedding planner, Adrielle Pyper, goes to Hawaii to orchestrate a destination wedding, she isn't prepared for what she finds.
After the trauma of her previous event, the beautiful isle of Kauai is the perfect place for Adri to unwind and do what she does best – plan. She even lets herself indulge in the attention of the groom’s handsome brother. But just when everything seems to be perfect, an afternoon snorkeling trip turns to murder when Adri discovers the body of a young woman.
Shaken, but unable to let it go, Adri’s sleuthing leads her into more danger than she could imagine. When a number of “accidents” threaten her own life, it soon becomes apparent that someone will do anything to keep Adri from interfering with their vengeance.

---

Giudizio personale: 3/5

sabato 1 agosto 2015

One love Two hearts Three stories

Autrice: Joy Dawn King
Sottotitolo: A Pride and prejudice anthology
Lingua: Inglese

---

One love Two hearts Three stories è il bel titolo della raccolta di tre racconti di Joy Dawn King, in cui i due cuori sono quelli di Darcy ed Elizabeth. Si tratta, infatti, di tre variation del celebre Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen.

Il primo racconto, The library, è costituito da nove capitoli e un epilogo.
In esso l'autrice immagina che, una volta insieme nella biblioteca di Netherfield, i due protagonisti non restino in silenzio, ma si confrontino. Soprattutto, è Darcy a spiegarsi, e mi piace molto il motivo addotto per il suo comportamento al ballo di Meryton e per le sue parole sprezzanti nei confronti di Elizabeth.
L'autrice è stata veramente molto brava nel descrivere le espressioni facciali dei due personaggi, il suo modo di renderle è stato l'elemento che ho preferito, insieme al trionfo della comunicazione. Aprendo il proprio cuore e parlando chiaramente, infatti, il Darcy di questa storia evita una gran quantità di fraintendimenti e di eventi negativi.
Non so se l'autrice volesse lanciare il messaggio che la comunicazione è tutto, soprattutto in una coppia, ma l'ho apprezzato parecchio.
Mi è sembrato, però, che i due si abbandonassero ad effusioni troppo repentinamente.
L'epilogo è molto dolce.

Il secondo racconto, Married, è quello più lungo, quasi un libro a sé (ventitré capitoli più un epilogo).
L'inizio è molto originale, così come quello della storia successiva e del primo romanzo dell'autrice, A father's sins. Qui abbiamo infatti Elizabeth che si ritrova in carrozza con una Georgiana molto spaventata e un Wickham e una Mrs Younge palesemente in combutta.
Lizzy riesce a salvare la ragazza dalla situazione, ma nel XIX secolo scrivere una lettera ad un giovane con cui non si hanno legami, comporta pesanti conseguenze...
Mi è piaciuto il modo in cui l'autrice ha reso il cammino dei due protagonisti verso la conoscenza reciproca, mentre mi ha lasciato un po' perplessa il personaggio di Georgiana, qui in una versione per me inedita: lungi dall'essere la ragazzina timida a cui siamo abituati, troviamo invece un'adolescente viziata che non si cura delle conseguenze che le proprie azioni possono avere su chi le sta intorno. Tuttavia, a ben pensarci, questo comportamento è piuttosto in linea con il modo in cui la ragazzina si è trovata a crescere, e cioè con due tutori molto giovani ed inesperti, pronti ad esaudire ogni suo desiderio.
Al Colonnello Fitzwilliam è riservato un destino a cui non avevo mai pensato, mentre Mr Bennet ne esce davvero male, più incline a privilegiare gli interessi della moglie e delle altre figlie, piuttosto che a curarsi dell'avvenire di Elisabeth. Molto divertente il siparietto con Caroline Bingley, per la quale l'autrice trova sempre delle "punizioni" simpatiche.

Terzo ed ultimo racconto è Ramsgate, formato da sette capitoli ed un epilogo.
In esso, Georgiana si rende conto dell'inganno perpetrato ai suoi danni da Wickham e Mrs Younge e si rifugia dai Gardiner, temporaneamente suoi vicini in vacanza a Ramsgate insieme alle nipoti Jane ed Elizabeth. E' proprio con quest'ultima che la ragazza stringe una forte amicizia, inizialmente mal vista da Darcy, che teme che i nuovi conoscenti vogliano ottenere dei vantaggi dalla conoscenza con la sorella. Ben presto, però, l'uomo si trova a sua volta estremamente legato a quella donna che lo ha attratto dal primo istante...
Particolare, in questa storia, è lo stravolgimento delle coppie, con Jane non più legata al caro Bingley, ma ad un altro personaggio.

One love Two hearts Three stories è una raccolta molto piacevole, priva di angoscia e di ansia, con scelte originali e percorsi alternativi per l'immortale storia di Darcy ed Elizabeth.

---

Quarta di copertina: 
The Library

What happens when Fitzwilliam Darcy and Elizabeth Bennet are alone in the library at Netherfield Park and they decide to talk instead of ignore each other? In Jane Austen’s Pride and Prejudice, the half hour passes without either our hero or our heroine speaking one word to each other. This sweet variation has them breaking their silence. What follows is a conversation filled with confrontation, clarification, and love. 



Married! 

Fitzwilliam Darcy needs a wife! Elizabeth Bennet needs a husband! 

What results when two strong-minded, kind-hearted strangers unite in this most sacred state? Will love grow? In this full-length novel, Darcy and Elizabeth are faced with frustrations and blossoming feelings of tenderness. Our favorite couple finally reach their happily ever after. Or, do they? 



Ramsgate 

When Miss Georgiana Darcy stumbles upon her beloved George Wickham willingly wrapped in a passionate embrace with someone else, the elopement is off. Running to her new friend, Miss Elizabeth Bennet, she involves her in a plan to get help from her brother, Fitzwilliam Darcy, and bring Wickham to justice. 

In this novella length story, does Darcy marry Elizabeth? Does Colonel Fitzwilliam find the woman of his dreams? And, what happens to the nefarious Mr. Wickham? Enjoy this alternate path to our favorite couple’s happily ever after.

---

Giudizio personale: 4/5